LA QUOTAZIONE IN BORSA  

Molte società di successo, private o caratterizzate dalla presenza del capitale di investitori istituzionali, affrontano un momento in cui valutano l'ipotesi di quotarsi in Borsa.  

 

                                                                         

 

MA PERCHE’ QUOTARSI IN BORSA?

Le società, per esempio, possono avere un piano di nuovi investimenti da finanziare o possono voler crescere più incisivamente tramite le acquisizioni, o la famiglia fondatrice, i soci o gli investitori cercano un'opportunità per diversificare l'investimento o per dover affrontare un ricambio generazionale.  

La quotazione in Borsa, specificatamente l’IPO (Initial Public Offering) offre una risposta a queste sfide e rappresenta una scelta chiave per il futuro dell'azienda. Per questo è necessario che le società valutino attentamente tutti gli aspetti della quotazione e le implicazioni che lo status di società quotata implica sulla gestione aziendale.  

L’IPO è un’offerta al pubblico dei titoli di una società che intende quotarsi per la prima volta su un mercato regolamentato. Fornisce informazioni dettagliate per tutte le operazioni di quotazione in Borsa, con la possibilità di consultare e scaricare prospetti e profili societari. Questa sezione costituisce una valida opportunità di visibilità attraverso il web nei confronti degli investitori.  

 

LA CREAZIONE DI VALORE PER GLI AZIONISTI

La Borsa rappresenta per le aziende uno strumento importante per competere anche a livello internazionale, offrendo nuove opportunità di accesso al capitale di rischio e stimolando un salto di qualità nella gestione che permette un’accelerazione dello sviluppo e la creazione di valore per i suoi azionisti. Grazie alla creazione di valore si accresce la dimensione del capitale economico dell’impresa intesa come investimento. Il valore creato più rilevante per essere percepito e misurato dagli azionisti, deve essere espresso correttamente dal valore di mercato dell’azienda. Sono quindi fondamentali sia la creazione, sia la diffusione del valore che viene realizzato, soprattutto grazie a una corretta politica di comunicazione al mercato.  

La quotazione in Borsa rappresenta infatti, una scelta chiave di gestione straordinaria che crea valore per gli azionisti attraverso un’influenza positiva su tutti gli aspetti di gestione ordinaria.   

 

IL MERCATO AZIONARIO PER LA QUOTAZIONE IN BORSA

Il sistema-mercati della Borsa si articolano in modo da rispondere alle varie esigenze di ogni tipologia di azienda. Le società target per la quotazione in Borsa possono essere classificate in due macro categorie: Value Stock e High Growth Stock.  

Nella Value Stock rientrano quelle società in grado di produrre utili, le cui caratteristiche principali sono: i settori tradizionali, track record dei risultati economico-finanziari positivi, margini elevati e sostenibili, posizione di mercato consolidata, qualità e continuità del management e attività di fusioni e acquisizioni.  

Nell’High Growth Stock rientrano invece quelle società con un alto potenziale di crescita, le cui caratteristiche principali sono: appartenere al settore tecnologico (per esempio l’e-commerce), società costituite recentemente con elevate prospettive di crescita, fabbisogni finanziari legati a programmi di sviluppo rapido, startup innovative e manager fondatori che cercano partner per la realizzazione dei piani di sviluppo.  

 

LE TIPOLOGIE DEL MERCATO AZIONARIO

Tra le principali categorie del mercato azionario italiano troviamo MTA, STAR, AIM e NUOVO MERCATO.

MTA

É il Mercato Telematico Azionario all’interno del quale si negoziano azioni, obbligazioni convertibili, diritti di opzione e warrant. Si rivolge alle imprese di media e grande capitalizzazione offrendo loro un mercato allineato ai migliori standard internazionali, in grado di supportare le esigenze di raccolta di capitali domestici e internazionali provenienti da investitori istituzionali, professionali e dal pubblico risparmio ed in grado di garantire un’elevata liquidità dei titoli.

 

AIM

AIM Italia è il mercato dedicato alle piccole e medie imprese italiane ad alto potenziale di crescita, si contraddistingue per il suo approccio regolamentare equilibrato, per un’elevata visibilità a livello internazionale e per un processo di ammissione flessibile, costruito su misura per le necessità di finanziamento delle PMI italiane nel contesto competitivo globale.

 

NUOVO MERCATO

E’ il mercato appositamente creato per le società, in genere di recente costituzione, che per settore di appartenenza o tecnologia impiegata hanno elevate prospettive di crescita. Tali aziende operano nei settori quali high-tech, internet, e-commerce, telecomunicazioni, biotecnologie, oppure sono attive in settori tradizionali ma presentano particolari innovazioni del prodotto. Questo tipo di società necessita in genere di capitali per poter finanziare la crescita.

 

STAR

É il Segmento Titoli con Alti Requisiti ed è dedicato alle medie imprese operanti con un buon successo in settori tradizionali, con capitalizzazione compresa tra 40 milioni e 1 miliardo di euro, che si impegnano a rispettare requisiti di eccellenza in termini di alta trasparenza ed alta vocazione comunicativa, alta liquidità e Corporate Governance (l’insieme delle regole che determinano la gestione dell’azienda) allineata agli standard internazionali.

 

I REQUISITI PER LA QUOTAZIONE IN BORSA

L’accesso al mercato dei capitali tramite la quotazione in Borsa è uno strumento importante per tutte quelle imprese che desiderano confrontarsi in scenari competitivi sempre più complessi che richiedono una visione strategica, piani industriali solidi e importanti capitali per realizzarli. Affinché la quotazione in Borsa sia positiva per la società, è importante attrarre l’interesse degli investitori e per far ciò è necessario essere in possesso di requisiti sostanziali e formali.      

 

I REQUISITI SOSTANZIALI

I requisiti sostanziali sono basati sulle reali prospettive di crescita e gestione del business e includono a seconda delle specificità aziendali: un track record di risultati economico-finanziari positivo, un Business Plan ambizioso ma realistico e sostenibile, la trasparenza nella contabilità e nell’assetto societario. Altre caratteristiche includono la qualità e la motivazione del management, la presenza di una figura di investor relation manager interno all’azienda, l’adesione ai principi di Corporate Governance. La scelta della tempistica dell’operazione e struttura dell’offerta e la corretta percezione dell’azienda da parte del mercato tramite un’efficace politica di comunicazione costituiscono ulteriori requisiti importanti nella determinazione del successo dell’IPO.   

 

I REQUISITI FORMALI

In conformità alle diverse caratteristiche che contraddistinguono le società, per l’ammissione alla quotazione nei diversi mercati sono previsti specifici requisiti formali minimi stabiliti dai Regolamenti dei mercati della Borsa.   Si tratta, ad esempio, di requisiti relativi alla certificazione del bilancio, alla Governance, alla capitalizzazione, al flottante, etc. Il segmento che richiede un maggior impegno in termini di adempimenti formali è lo STAR.

 

LA SELEZIONE DEI CONSULENTI

La preparazione alla quotazione richiede l'assistenza di un team di consulenti specializzati verso cui la società abbia la massima fiducia e con cui stabilisca una proficua cooperazione.   Una figura cruciale nell'ambito del team di consulenti che la società deve scegliere è quella dello sponsor, poiché previsto dai Regolamenti della Borsa e nominato dalla società, è un intermediario finanziario che assiste la società nello svolgimento dell'intero processo di quotazione e per un periodo successivo all’IPO. Si fa inoltre garante nei confronti del mercato della qualità e dell’opportunità di investimento.   In base alle specifiche caratteristiche della società e/o alle dimensioni del collocamento possono essere nominati altri consulenti specializzati. Tali consulenti possono svolgere un ruolo cruciale nel successo dell’IPO e in molti casi continuano ad assistere la società anche dopo l'IPO, anche se possono avere un impatto in termini di maggiori oneri di quotazione.  

  • Consulente finanziario: collabora con l’impresa e lo sponsor nella realizzazione dello studio di fattibilità, valutazione preliminare indipendente, redazione del prospetto informativo, preparazione del budget e del Business Plan.  
  • Società di revisione: è il responsabile per la revisione dei bilanci della società ai fini del collocamento.  
  • Studio legale: può essere incaricato dal coordinatore globale, dalla società e/o dagli azionisti venditori e ha la responsabilità di assistere la società negli adeguamenti statutari, redazione del prospetto informativo, adempimenti legali, contratti di sottoscrizione delle azioni e del rilascio di legal opinion. E’ necessario quindi che venga verificata in anticipo l’esperienza dei legali, in termini sia di familiarità con gli aspetti legali dei collocamenti azionari, sia di conoscenza delle problematiche della società.  
  • Consulente di comunicazione: è responsabile per la massimizzazione dell'accoglienza del titolo da parte degli investitori attraverso la comunicazione efficace dell'immagine della società e dei suoi prodotti, anche garantendo la corretta gestione dei rapporti con la stampa. Svolge un ruolo cruciale nella fase di marketing dell'offerta, fornendo servizi di investor relations ed “educando” la società a gestire i rapporti con la comunità finanziaria.  
  • Consulente fiscale: permette alla società l’ottimizzazione della leva fiscale, anche alla luce delle nuove norme sulla tassazione per le società quotate (DIT agevolata).   

 

Per leggere l'articolo completo, clicca su "SCARICA ALLEGATO" qui sotto!!

 

© Giulia Moscatelli

GU Capital S.r.l.  

Lavora con noi

Compila il modulo per chiedere informazioni, un preventivo di spesa o un appuntamento per discutere un progetto, sarai presto ricontattato. Tutti i campi sono obbligatori