ANALISI DEL CLIMA AZIENDALE NELLE MODERNE ORGANIZZAZIONI

di GU Capital |  25 maggio 2020

Valutare e raggiungere l’efficacia e l’efficienza dell’organizzazione aziendale
di Marco Palmia | 25 MAGGIO 2020

                                                                                      

Essere competitivi vuol dire prima di tutto avere persone pronte al cambiamento, determinate al raggiungimento di obiettivi, ma soprattutto persone che si sentono parte di qualcosa e in viaggio con qualcuno.

 

Nella società di oggi il cambiamento ha assunto forti accelerazioni: cambiamenti economici, politici, sociali, tecnologici creano situazioni mutevoli, e imprevedibili. Essere competitivi vuol dire prima di tutto avere persone pronte al cambiamento, determinate al raggiungimento di obiettivi, ma soprattutto persone che si sentono parte di qualcosa e in viaggio con qualcuno.  

Le situazioni di stress sono in aumento, dovute il più delle volte a mancanza di comunicazione, mancanza di relazioni positive e collaborative, non conoscenza delle proprie potenzialità, così come delle proprie criticità, ambiente di lavoro percepito come poco gratificante e non come opportunità di crescita. Avere successo dipende dal grado di intraprenditorialità e dal clima aziendale: cambiare in profondità è possibile se si riesce a rendere attori le persone e se si riesce a creare un ambiente di lavoro di ascolto; questi due elementi, infatti, riducono sensibilmente turnover, malattie, assenteismo, conflitti, permettono la crescita di senso di appartenenza, comunicazione, collaborazione e benessere psico-fisico.  

A questo scopo risulta importante un lavoro di training mirato allo sviluppo personale di ogni soggetto, lavoro che può fornire al manager dei validi strumenti per riuscire a determinare e ad affrontare i fattori che generano stress, tensioni, conflitti, riconoscendo e sfruttando le modalità individuali indispensabili per fronteggiare le situazioni di difficoltà e realizzare un positivo clima aziendale.

 

Attenzione

È importante avviare un percorso di supporto e formazione su un gruppo selezionato di manager rappresentativi, proiettati verso il cambiamento e in grado gestirlo per favorire la creazione di un team di lavoro che raggiunga risultati in grado di ispirare il personale verso l’eccellenza, intesa come processo di miglioramento graduale e continuo nel tempo.

 

Gli obiettivi fondamentali del percorso sono:

  • Capire l’importanza di stimolare per sé e per gli altri il cambiamento.

  • Sviluppare un’attitudine positiva al lavoro.

  • Sviluppare le proprie capacità manageriali a tutto campo.

  • Creare squadre di lavoro affiatate, diversificate ma capaci di essere complementari.

  • Approfondire la conoscenza dei propri punti forti e delle proprie aree di miglioramento.

  • Potenziare la capacità di ascolto verso l’interno e verso l’esterno.

  • Gestire il flusso informativo.

 

Metodologia  

FASE 1

Test attitudinale al fine di evidenziare le competenze effettive e le possibili aree di miglioramento rispetto al ruolo.  

FASE 2

Training personalizzato su un piano di sviluppo personale al fine di potenziare le competenze professionali e trasversali individuali a beneficio del manager e dell’azienda stessa. I cambiamenti seguono la legge della gradualità nel tempo con obiettivi a breve, a medio e a lungo termine.

 

 

Il clima aziendale

L'attività di "analisi di Clima aziendale" si può definire come un esame dell'insieme di percezioni che il personale aziendale ha della struttura organizzativa in cui è inserito, dei rapporti e delle attività che regnano all’interno dell’organizzazione stessa.  

Il clima di un’azienda è una realtà molto variegata, un insieme di tanti fattori e variabili: idee, percezioni, mappe cognitive, emozioni, interazioni con i superiori, con i collaboratori, con l’esterno, elementi che per loro stessa natura non sono statici ma si evolvono nel tempo.  

Per parlare di clima è necessario verificare che tali percezioni siano condivise dalla maggior parte dei membri, in quanto esso è un fattore che influenza i comportamenti e gli atteggiamenti dei lavoratori; da lì partono per interpretare le situazioni, per sviluppare o meno il senso di appartenenza, per prendere decisioni e assumersi responsabilità. Di conseguenza il clima influenza la cultura organizzativa e ha un’importanza strategica perché aiuta ad ottimizzare le risorse e il Capitale umano a disposizione.    

 

 

Analisi di clima

L’analisi di clima è dunque un fenomeno complesso, una specie di fotografia istantanea di un particolare momento, un check-up diagnostico attraverso il quale si rilevano diversi indicatori per ottenere un quadro della situazione il più preciso possibile. E’ un punto di partenza per iniziare un processo di cambiamento e di evoluzione dell’organizzazione.  

L’effetto principale è quello di aumentare la motivazione intrinseca del lavoratore e la sua pro-attività, perché solitamente viene percepito dallo stesso come un segnale di ascolto e di interesse da parte dell’azienda. Per ottenere la massima efficacia dell’intervento è necessario renderlo un processo condiviso, comunicando con chiarezza le finalità.

 

 

Benefici dell’analisi di clima

  • Rileva le criticità, le situazioni di eventuale malessere e i punti di forza su cui creare un progetto di cambiamento.

  • Misura il livello di “stress” reale o percepito dall’individuo.

  • Stimola il senso di appartenenza del singolo e del gruppo.

  • Rileva le dinamiche di gruppo e le transazioni tra gli individui.

 

Aree principali di indagine

  • Sviluppo personale e possibilità di progresso.

  • Bisogni e motivazioni dei singoli e del gruppo.

  • Identità e valori personali.

  • Cultura di cui l’azienda è portatrice.

  • Amalgama del team.

  • Dinamiche di comunicazione.

  • Chiarezza dei compiti e dei ruoli.

  • Valorizzazione e riconoscimento delle competenze.

  • Autostima.

  • Fiducia ed equità percepita.

 

Conclusioni

L’incontro tra il formatore e il singolo avviene senza filtri e in un clima di fiducia all’interno del quale, anche attraverso giochi e test psicologici, si evidenzieranno le competenze, i punti di forza, le criticità e le aree di miglioramento. Il confronto è riservato e diretto con l’interessato, questo lo rende compartecipe di un cammino e più disponibile ad eventuali cambiamenti.

Per leggere l'articolo